A.I.O.T CHI SIAMO Accademia Italiana di Osteopatia Tradizionale Accademia Italiana di Osteopatia Tradizionale Chi siamo Chi siamo Scarica la Brochure Scarica la Brochure

AIOT – Scuola Osteopatia

Formazione osteopatica dal 1993

In quegli anni in Italia l’osteopatia e quindi la medicina osteopatica era diffusa attraverso l’insegnamento impartito essenzialmente da scuole con un organigramma costituito, in larga misura, da docenti stranieri, in particolare di origine francese.

ACCESSO STUDENTI

Entra anche tu a far parte della community di A.I.O.T.

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato su agevolazioni, open day, eventi e corsi


    Accetto le condizioni del servizio e l’informativa sulla privacy

    OSTEOPATIA e PROFESSIONE OSTEOPATA

    Una professione con un alto indice di occupazione

    Per diventare osteopata è necessario un percorso formativo di cinque anni in cui è previsto lo studio di scienze mediche di base come anatomia, patologia, fisiologia, biomeccanica, biochimica, biofisica, embriologia, istologia, neurologia e altre, oltre alle materie prettamente osteopatiche. La formazione in Italia al momento non è di carattere universitario, ma privato.

    Oltre alla possibilità di aprire un proprio studio, l’osteopata può collaborare con figure sanitarie di vari ambiti specialistici della medicina convenzionale. I settori di intervento riguardano ad esempio l’ortopedia, l’otorinolaringoiatria, l’odonto-stomatologia, la pediatria, l’oculistica, la geriatria, l’urologia, la gastro-enterolologia, la cardiologia, l’endocrinologia, la ginecologia..

    da 5 a 7 mila
    Gli Osteopati in Italia

    81 %
    Studenti AIOT che lavorano entro 1 anno

    5 anni
    Durata della formazione

    Eventi

    Prossimi eventi di formazione

    visita il centro Abaton è un centro di Medicina Osteopatica che nasce da una
    idea di cura non incentrata sulla malattia,
    ma sulla ricerca e l’incremento dello stato di salute.

    visita il centro Abaton è un centro di Medicina Osteopatica che nasce da una
    idea di cura non incentrata sulla malattia,
    ma sulla ricerca e l’incremento dello stato di salute.